Cash for Chaos – Jam Sessions per IsolaNelKantiere.org, 26 aprile 2009

18 04 2009

L’Isola Nel Kantiere. Un posto mitico per noi che abbiamo vissuto l’adolescenza nei ’90. Un centro sociale dalle tante personalità cruciali e dai lasciti davvero importanti, anche per chi a Bologna in quegli anni non c’era. [Mi vengono subito in mente gli I.P.A.S.].

A venti anni di distanza, una prima serata per raccontare quegli anni a cavallo tra gli ’80 e i ’90. Non sono ancora ben chiari i prossimi programmi, quindi riporto le loro parole:

“Ci è venuta voglia di raccontare l’Isola Nel Kantiere, e di farlo a più voci, con chi l’ha vissuta in prima persona. Con atteggiamento meno nostalgico possibile, ci piacerebbe ricostruire i fatti di quei 3 anni, attraverso parole, suoni, immagini. Per cominciare, useremo un sito web ed una serie di eventi in città. Poi si vedrà.”

Quello che è certo, al momento, è la serata di finanziamento del 26 aprile che vedrà sul palco Casino Royale, Neffa e Papa Ricky, seguiti dal dj set di Katzuma e Wastasi [che molti Leggi il seguito di questo post »

Annunci




Isola Posse All Stars, Neffa

6 09 2008

Si parte! Inauguriamo le liberazioni con due pietre miliari, due fondamentali.

Isola Posse All Stars – Stop Al Panico! / Stop War! [Isola Nel Kantiere Production, IP001]

Singolo degli IPAS, 1991, albori del rap in Italia, penso ci sia poco da aggiungere. Contiene “Stop Al Panico!” e “Stop War!” [con relative strumentali!]. Basso di Alessiomanna, programmata da Tubi Forti. Registrato agli Harmony Sounds Studios di Bologna.

Neffa & I Messaggeri Della Dopa – Aspettando Il Sole [Blackout / Mercury, 1996, 578419-1]

“Aspettando Il Sole”, Neffa e Giuliano Palma: uno dei miracoli lirici piu’ belli che abbia mai sentito [e credo di non essere l’unico!], accompagnato da un bellissimo campione [“Free At Last” di Al Green]. Contiene: “Aspettando Il Sole” [sia l’album version, prodotta da Deda, che un remix prodotto da Neffa] + strumentale della versione di Deda + “To The Death” [feat. Sean e Phase II]. Mixato da Leggi il seguito di questo post »





Gabor Szabo – Faces

6 09 2008

“Faces” è uno degli ultimi dischi del chitarrista ungherese Gabor Szabo prima della sua prematura scomparsa. Uscito per la Mercury nel 1977 sotto la produzione di Wayne Henderson [Crusaders] e suonato assieme a una buona parte dei Pleasure [quelli che fecero uscire “Joyous”], Ernie Watts e altri musicisti ancora, è un disco con tanti bei momenti, dove il jazz non manca di confrontarsi con altri stili e influenze di quel periodo.

Meritano assolutamente una segnalazione: “Magic Misty Faces”, canzone riflessiva e vagamente mistica, la meravigliosa “Gloomy Day” [e quì sono di parte, perchè ogni volta che si arresta il piano elettrico e riparte la chitarra con le voci in sottofondo vado a star bene, forse per il legame con un certo pezzo che Leggi il seguito di questo post »








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: