Daft Punk / Breakwater

7 03 2011

Daft Punk – “Robot Rock” [“Human After All”, Virgin, 2005; producer: Daft Punk]

samples Leggi il seguito di questo post »





The Jimmy Castor Bunch – E-Man Groovin’

3 09 2008

Poche chiacchere per dischi come “E-Man Groovin'”: la title-track, che apre il disco, è un massiccio funk che incita alla danza [con tanto di bassi pesantissimi e percussioni altrettanto potenti], “Space Age”, la mia preferita, è un concentrato di stile, dalle strofe cantate al sintetizzatore, il testo è spensierato e funktascientifico; “I Love A Mellow Groove” proietta il corpo sulla pista con chitarra e basso, ha una spinta incredibile e inaspettatamente passa ad un hook piuttosto mieloso rispetto alla canzone [in strofa è vocalmente e liricalmente più aggressiva e scatenata, al ritornello è più patetica e Leggi il seguito di questo post »





Brand New Funk – Brand New Funk ’78

11 07 2008

I Brand New Funk sono un gruppo non molto conosciuto, prodotto da Sylvia Robinson e composto probabilmente da musicisti del giro Sugarhill. Non è facile recuperare informazioni precise sulla line up del gruppo, e credo questo sia l’unico lavoro che abbiano pubblicato -a parte qualche singolo, quasi sempre estratti da questo stesso disco.

Quello che ci offrono è un buon funk di fine stagione, condito da slap di una certa ignoranza e da un pizzico di suoni elettronici. “Tastee” è una bella traccia strumentale che ospita dei felici ed essenziali fiati, ed ha un break niente male a base di piano elettrico e chitarra [probabilmente è anche stata campionata per qualcosa di noto], la grossa “Classic funk” dai potenti claps e vocals è un’ottima Leggi il seguito di questo post »





Katzuma.org – “Moonbooty – Music from the motion picture”

5 07 2008

Da Deda a Chico MD a Katzuma.org. Tanti anni di attività, e un primo disco solista nel recente 2004. Ma non c’è fretta, e Andrea Visani probabilmente non avrebbe potuto realizzare un biglietto da visita migliore di “Moonbooty – Music from the motion picture”. Innanzitutto, si è di fronte ad un vero e proprio capolavoro di sampling e cultura musicale: il Visani fa tutto da sè [divertentissimi i nomi inventati dei musicisti nei crediti di ogni traccia del disco], eccetto qualche partecipazione di Sean Martin, Gloria Tatanka, Bruno Briscik e Dre Love [spero di non aver dimenticato nessuno].

Ma la bellezza del Moonbooty non risiede esclusivamente nel lato tecnico, anzi: questo lavoro diverte, rapisce, infiamma il floor, provoca dipendenza ed è colonna sonora di innumerevoli momenti. I potenti clap, i fiati portanti e il geniale lavoro vocale di “On the one” catapultano immediatamente l’ascoltatore in un altro mondo sonoro, il cantato di “The sleeptalker” è intriso di stile Leggi il seguito di questo post »








%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: